Primo Closing per Equita Smart Capital – ELTIF che raggiunge €50m di adesioni a pochi mesi dall’avvio della commercializzazione con Cordusio SIM

Equita prosegue le attività di fund raising anche con altri selezionati collocatori

Milano, 6 novembre 2021

Equita Capital SGR management company del Gruppo Equita specializzata nella gestione di asset alternativi – e Cordusio SIM – boutique del Gruppo UniCredit dedicata al Wealth Management – annunciano di aver concluso con successo la prima fase di raccolta di Equita Smart Capital – ELTIF, il fondo di private equity focalizzato su piccole e medie imprese italiane e conforme a quanto previsto dal regime dei PIR alternativi.

Dopo pochi mesi dall’inizio della commercializzazione, il fondo Equita Smart Capital – ELTIF ha raggiunto quota Euro 50 milioni, superando abbondantemente la soglia necessaria per un primo closing (Euro 30 milioni), grazie anche all’adesione di un primario investitore istituzionale.

Il Fondo ha suscitato sin da subito l’interesse degli investitori grazie al suo focus d’investimento sull’Italia e sul private equity, e grazie anche ai particolari vantaggi fiscali previsti dalla normativa sui PIR alternativi. Equita Smart Capital – ELTIF intende infatti affiancare gli imprenditori e il management team delle piccole e medie imprese italiane e supportarli nello sviluppo delle loro strategie e dei loro percorsi di crescita con capitale paziente e competenze manageriali. A ciò si aggiunge l’unicità della proposta del Fondo che beneficia delle competenze e del know how dell’intero gruppo Equita, ivi inclusa la capacità di generare un ampio e diversificato flusso di opportunità, peculiarità indispensabile per garantire una adeguata e rigorosa selezione degli investimenti.

Cordusio SIM, società del gruppo UniCredit, ha fin da subito creduto nell’iniziativa e collocato con successo lo strumento.

 Stefano Lustig, co-responsabile Alternative Asset Management di Equita Capital SGR, e Rossano Rufini, responsabile Private Equity di Equita Capital SGR, promotori dell’iniziativa, hanno commentato: “I risultati raggiunti finora nella raccolta di Equita Smart Capital – ELTIF dimostrano che gli ELTIF sono lo strumento giusto per veicolare il risparmio privato verso l’economia reale. La loro diffusione non può che alimentare questo circolo virtuoso a beneficio di tutti. Inoltre, la strategia del fondo di investire nelle piccole e medie imprese italiane è un modello condiviso ed inclusivo”.

 Matteo Ghilotti, Amministratore Delegato di Equita Capital SGR, ha aggiunto: “Equita Smart Capital ELTIF è una iniziativa strategica perché arricchisce la nostra offerta di soluzioni d’investimento in PMI domestiche indirizzata sia alle istituzioni che agli investitori retail, quest’ultimi raggiunti grazie a selezionati partner come Cordusio per una distribuzione efficace e consapevole”.

 Manuela D’Onofrio, Responsabile della struttura Group Investment Strategy di UniCredit e Head of Investments & Solutions di Cordusio SIM, ha sottolineato: “In contesti di mercato in cui gli strumenti obbligazionari non possono più essere una parte preponderante del portafoglio, se vogliamo ottenere rendimenti positivi, consigliamo ai clienti di introdurre nel proprio portafoglio strategie di investimento positivamente correlate con l’economia reale. Questo ELTIF, come tutti gli strumenti di Private Market, rientra appunto nella tipologia di investimento “mission/goal-shaped” che condividiamo con i nostri clienti. Senza dimenticare il grande vantaggio virtuoso di Equita Smart Capital – ELTIF che consente di allocare il risparmio in attività produttive del nostro Paese in grado di facilitare la ripresa, creare occupazione e determinare un impatto sociale positivo. Obiettivi condivisi da UniCredit che, con programmi mirati, prosegue nel suo impegno in prima linea a supporto delle imprese italiane e dell’economia reale”.

Il Fondo ha una durata complessiva di 8 anni e un periodo di investimento di 4 anni. Il ritorno obiettivo in termini di internal rate of return (IRR) è stimato tra il 12 e il 14% lordo annuo – ovvero un multiple on invested capital (MOIC) di circa 1,8x, calcolato sulla durata complessiva del Fondo.

Equita Smart Capital – ELTIF si pone come obiettivo quello di raggiungere Euro 140 milioni di raccolta totale e per garantire l’allineamento degli interessi con gli investitori, Equita Capital SGR e il team di gestione co-investiranno nel prodotto. Il Fondo è sottoscrivibile sia da investitori al dettaglio con un adeguato profilo finanziario che da investitori professionali.

Si segnala, infine, che Equita Capital SGR ha sottoscritto un accordo con Allfunds Bank per la distribuzione di Equita smart Capital – ELTIF agli investitori al dettaglio e che alcuni selezionati collocatori si sono aggiunti a Cordusio SIM nelle attività di distribuzione.

* * *

Primo closing ELTIF Equita

Equita Smart Capital ELTIF chiude il suo round di raccolta insieme a Cordusio SIM con €50m

Equita Smart Capital – ELTIF, FIA chiuso di diritto italiano, adotta una strategia di investimento paziente e flessibile, a beneficio dei ritorni degli investitori. Il Fondo investe prevalentemente in piccole e medie imprese private, nonché in aziende quotande o quotate, quest’ultime con una capitalizzazione di mercato inferiore a Euro 500 milioni e comunque nel rispetto dei limiti previsti dalla normativa dei PIR alternativi. La strategia di investimento prevede che una quota tra il 60 e il 70% delle disponibilità del Fondo sia investita in società non quotate italiane di piccole e medie dimensioni (private equity), tra il 20 e il 35% in titoli azionari quotati (public equity) e il restante 5-10% in titoli obbligazionari liquidi (public debt). Tale strategia permette dunque di cogliere in maniera opportunistica le migliori condizioni di acquisto offerte dai mercati privati e quotati. Con riferimento al private equity, il Fondo opera con investimenti preferibilmente in partecipazioni di minoranza qualificata e selettivamente di maggioranza, principalmente in aumento di capitale al fianco di management team ed imprenditori. Il Fondo valuta inoltre anche possibili operazioni di coinvestimento al fianco di altri primari operatori finanziari con l’obiettivo di investire in società di più grandi dimensioni.

Il Fondo ha una durata complessiva di 8 anni a partire dalla data del First Closing e un periodo di investimento di 4 anni. Il ritorno obiettivo in termini di internal rate of return (IRR) è stimato tra il 12 e il 14% lordo annuo – ovvero un multiple on invested capital (MOIC) di circa 1,8x, calcolato sulla durata complessiva del Fondo. Il target di raccolta è fissato in massimi Euro 140 milioni.

La qualifica di ELTIF garantisce inoltre ai sottoscrittori un elevato standard di protezione e regole certe sulla costruzione del portafoglio. La conformità alla definizione di PIR alternativo, inoltre, permette agli investitori di beneficiare del regime fiscale esentasse sui dividendi, capital gain e successioni, e del credito di imposta pari al 20% delle eventuali minusvalenze realizzate sugli importi sottoscritti nel 2021, purché soddisfatte le condizioni richieste dalla normativa applicabile, in particolare i requisiti di holding period. Per maggiori informazioni, visita www.equitasmartcapital.eu

* * *

Equita è la principale investment bank indipendente in Italia, che da più di 45 anni mette al servizio di investitori professionali, imprese e istituzioni le proprie competenze e la propria conoscenza dei mercati finanziari. La capogruppo Equita Group, quotata sul Mercato Telematico Azionario di Borsa Italiana tra le società del segmento “STAR”, vede nel suo azionariato i propri manager e dipendenti (con circa il 54% del capitale), assicurando l’allineamento degli interessi con gli investitori. Con le sue attività di Global Markets, oggi Equita è il principale broker indipendente in Italia, che offre ai propri clienti istituzionali servizi di intermediazione su azioni, obbligazioni, derivati ed ETF, e supporta le decisioni degli investitori con analisi e idee di investimento di valore sul mercato finanziario italiano ed europeo – grazie anche al continuo supporto di un team di Ricerca apprezzato e riconosciuto a livello internazionale per la sua qualità. Equita vanta poi una piattaforma di investment banking unica in Italia, in grado di combinare consulenza indipendente con accesso privilegiato ai mercati dei capitali. L’ampio ventaglio di servizi offerti, che include la consulenza in operazioni di M&A e di finanza straordinaria e la raccolta di capitali sia azionari che obbligazionari, è dedicato a tutte le tipologie di clientela, dai grandi gruppi industriali alle piccole e medie imprese, dalle istituzioni finanziarie fino al settore pubblico. Grazie a Equita Capital SGR inoltre, Equita mette al servizio di investitori istituzionali e gruppi bancari le sue competenze nella gestione di asset e la profonda conoscenza dei mercati finanziari, in particolare delle mid e small caps; il focus su strategie di gestione basate sulle aree di expertise di Equita e sugli asset alternativi come il private debt rendono dunque Equita Capital SGR il partner ideale sia per investitori alla ricerca di ritorni interessanti che per gruppi bancari che vogliono co-sviluppare prodotti per le loro reti retail.

* * *

Cordusio SIM S.p.A. è la società del Gruppo UniCredit dedicata al Wealth Management in Italia, nata nel novembre del 2016. Cordusio amministra i patrimoni di 3.900 famiglie italiane super affluent – con almeno 5 milioni di euro di patrimonio – con una quota di mercato fra le più elevate tra le banche specializzate. Oggi partner strategico per le famiglie imprenditoriali italiane, Cordusio ha una Direzione Investimenti autonoma e indipendente, 3 Region – 21 sedi in Italia e una rete di più di 100 Banker a cui affianca un team di Portfolio Manager e professionisti finanziari. Cordusio costruisce soluzioni ad hoc per ciascun cliente: dalle gestioni di portafoglio gestite in-house, alle soluzioni assicurative, fino al servizio di consulenza fee-only basato sulle competenze della Direzione Investimenti e di un Desk di Advice dedicato. Cordusio collabora con 30 Case di Gestione che offrono prodotti tradizionali e strategie alternative, fornisce un servizio di consulenza esclusivo e dedicato anche in ambito SRI/ESG e offre inoltre l’accesso ai Private Market selezionando soluzioni di Private Debt, Private Equity, ETF e Spac. Cordusio, infine, grazie alle sinergie con il Gruppo UniCredit offre ai propri clienti un accesso privilegiato al mondo Corporate, Corporate & Investment Banking e mette inoltre a loro disposizione specialisti di Art Advisory, Real Estate Advisory e Wealth e Tax Advisory in ottica di protezione dei patrimoni, di filantropia e di passaggio generazionale

CS Equita - Primo closing Equita Smart Capital ELTIF

DISCLAIMER E INFORMAZIONI LEGALI

I contenuti riportati su questo sito hanno finalità promozionale e non costituiscono offerta o sollecitazione all’investimento nelle quote del Fondo di Investimento Alternativo mobiliare (FIA) italiano, autorizzato quale Fondo di Investimento Europeo a Lungo Termine (ELTIF), chiuso e non riservato, denominato “Equita Smart Capital – ELTIF” (il “FONDO”), istituito e gestito da Equita Capital SGR S.p.A. (la “SGR”), né costituisce consulenza finanziaria o raccomandazione di investimento. Prima di procedere alla sottoscrizione delle quote emesse dal FONDO e offerte dai collocatori (individuati nel Prospetto infra) si raccomanda di leggere attentamente, con particolare riguardo ai costi e i fattori di rischio, la documentazione di cui (i) al prospetto del FONDO, depositato presso CONSOB in conformità alla normativa vigente, come di volta in volta ogni supplemento, congiuntamente con i suoi allegati, cui fa parte il regolamento di gestione del FONDO, (ii) al Documento contenente le informazioni chiave per gli investitori (cd. KID) del FONDO, (iii) agli strumenti a disposizione degli investitori del FONDO ai sensi dell’art. 26 del Regolamento UE/760/2015, messi a disposizione del pubblico presso i collocatori del FONDO, nonché presso la sede legale della SGR e gratuitamente sui siti internet sgr.equita.eu e www.equitasmartcapital.eu, nonché a ogni altra documentazione messa a disposizione degli investitori ai sensi della vigente normativa applicabile. L’adempimento di pubblicazione del suindicato prospetto del FONDO non comporta alcun giudizio della CONSOB sull’opportunità dell’investimento proposto e sul merito dei dati e delle notizie allo stesso relativi. Le quote del FONDO non sono un investimento adatto a tutti gli investitori, ma si rivolgono ad un investitore che abbia un orizzonte temporale coerente con la durata del prodotto prescelto e che disponga di una conoscenza adeguata dei mercati e dei prodotti finanziari. Prima di procedere alla sottoscrizione delle quote del FONDO, è necessario comprenderne le caratteristiche, tutti i fattori di rischio riportati nell’omonima sezione del prospetto del FONDO e i relativi costi per valutare, anche attraverso i propri consulenti fiscali, legali e finanziari, la coerenza del prodotto al proprio profilo di rischio e al proprio obiettivo di investimento. Alle quote del FONDO non è connessa una garanzia.

Il riferimento al rendimento atteso è un valore stimato e non garantito, suscettibile di variazioni. Tali previsioni non costituiscono un indicatore dei risultati futuri cui gli investitori (potenziali o attuali) dovrebbero fare affidamento.

Con riferimento ai vantaggi fiscali collegati all’istituto dei Piani Individuali di Risparmio Alternativi (PIR Alternativi), si segnala che i) i PIR Alternativi sono stati introdotti con il decreto legge 34/2020 come convertito dalla legge 77/2020 che ha modificato l’art. 13-bis del decreto legge 124/2019; ii) l’esenzione da imposte sui dividendi, capital gain e successioni è disposta dalla legge 232/2016 (Legge di Bilancio 2016) richiamata dall’art. 13-bis del decreto legge 124/2019 ed è subordinata a particolari condizioni, tra cui un periodo di investimento minimo di cinque (5) anni; iii) per effetto della legge 178/2020 (Legge di Bilancio 2021), è previsto un credito d’imposta su minusvalenze e perdite derivanti da investimenti in PIR Alternativi in misura massima del 20% degli investimenti effettuati entro il 31 dicembre 2021, utilizzabile in 10 quote annuali di pari importo nelle dichiarazioni dei redditi a partire da quella relativa al periodo d’imposta in cui le componenti negative si sono realizzate (modello F24).